Archive for the ‘web 2.0’ Category

Infiltrazione da seeding atto II

ottobre 18, 2007

Definiamolo particolare.

Un certo mikonos mi scrive nei commenti a questo post:

un augurio sincero!!!!! credo in questo blog….e al suo sviluppo…..anke se dovrebbe seguire più concorsi cm quello della vodafone sull’SLK…..o altre macchine

Simpatico il “o altre macchine”!!!!

Impossibile non insospettirsi. Ecco i commenti lasciati da altre parti nella rete (qui e qui) dall’amico mikonos:

dopo che è arrivato in italia lo compra gesù……..quanto pensate possa costare un attrezzo del genere…….secondo me l’unico modo abbordabile per averlo è che tipo la vodafone lo dia insieme a l’SLK……….

…..però volevo sapere visto si parla di concorsi se qualcuno di voi aderisce a quello della vodafone……perchè io sono cliente vodafone in tutte le shede della mia famiglia e ho mandato da ognuno un sms al 4444……..ma ankora niente…..nessun avvertimento…..volevo sapere se tipo a qualcuno di voi è arrivato un hai vinto o hai pers…..oppure l’SLK continua a sognartela oppure SLK è parcheggiata di già nel tuo garage….hihihihih rispondetemi grazie

Da come scrive sembra molto giovane (cm, ankora, hihihihih).

E’ quasi ovvio per chi sta cercando di “seminare”. 🙂

Massime da coda lunga

ottobre 10, 2007

Aaron Wall, author of SEO Book, in risposta ad una domanda di Kamlesh Patel di Grab2Travel:

If I were trying to build up a newer site on a small budget I would try to pick a niche and make my site the expert site in that niche.

The smaller the niche the easier it is to build a brand and get traction. In any niche there are many marketable ideas, like Seatguru for flights.

[Via Ask Business 2.0]

Qualcosa bolle in pentola…

luglio 19, 2007

Infiltrazione da seeding

giugno 27, 2007

Anche io, come Fluido, segnalo una infiltrazione da seeding.

Per chi non lo sapesse il seeding è uno degli step operativi di una campagna virale che prevede la “semina” dell’oggetto del virale in punti della rete strategici.

Schematicamente funziona così:

Ecco la mail:

Mittente: libero de rienzo <frangetta07@gmail.com>

Ciao mi chiamo Lollo e ho visto il tuo blog e l’ho trovato interessante. Ho una domanda da chiederti. Ho trovato questo video della mini cooper http://www.peppiniello.it/rocket-turtle.asp e da quello che ho letto su alcuni forum che è un viral. Ora, nn sono espertissimo ma nn mi sembra proprio interessante, anzi a dirla tutta non l’ho capita molto questa pubblicità. “tu come la vedi?”

Fammi sapere se metti il video sul blog..mi interessa vedere se qualcuno risponde ai commenti perchè mi interessa capire…specie se sono io che nn capisco o i “nuovi” pubblicitari.

Saluti
Lollo

Indizi per affermare che si tratta di un infiltrazione e non di una segnalazione genuina:

– il mittente1: “libero de rienzo” mi sembra proprio improbabile

– il mittente2: “lollo” dovrebbe essere il diminutivo di libero….ma dai!

– scrive di averlo trovato ma guarda caso un frangetta07 (che è il suo indirizzo email) sembra averlo caricato qui e qui

– guarda caso il sito che mi ha segnalato http://www.peppiniello.it è sponsorizzato o è di proprietà di GoViral

Che dire, l’approccio mi sembra proprio sbagliato…..anche un pò irritante.

Come se i blogger fossero fessacchiotti che bevono tutto….mi sembra proprio il contrario. La cosa che mi fa sorridere è poi il fatto di aver impostato il tutto dicendo che il virale fosse inefficace (…non l’ho capita molto questa pubblicità, pubblicità stupida) proprio per cercare di sembrare estranei al tutto. Quasi penoso.

GoViral la ritengo un’ottima azienda per quello che fa…..spero solo che questo sia un seeder “fuori controllo” e non istruito a fare ciò dall’alto.

Vediamo se uscirà allo scoperto…..ormai è stato beccato! 😉

[Schema seeding: GoViral]

Convergenze digitali

giugno 7, 2007

Domenica un mio caro amico rifletteva sul fatto che secondo lui la convergenza tra TV e cellulari (1) e tra TV ed internet (2) difficilmente avverrà. Qualche motivo?

1. è molto difficile fruire di contenuti pensati per la televisione attraverso gli schermi dei cellulari. Per farlo bisognerebbe ripensarli a scapito dell’economicità. Condivido.

2. che senso ha guardare la TV via PC quando ho già la mia bella televisone piazzata davanti al divano, premo un tasto e mi rilasso. Il PC non è di solito piazzato davanti al divano e per godermi un qualsiasi contenuto devo premere, come minimo, 3/4 pulsanti. Condivido in parte.

Quello in cui lui crede, e mi trova d’accordo, è nella convergenza (vera) tra cellulari ed internet che, forse per motivi strutturali, ancora tarda ad arrivare.

Greg Verdino in una delle sue interessanti slide, scrive:

Lui porta ad esempio Groovr (social network mobile) e M Bar Go (offerte commerciali on-demand e non). Io segnalo a supporto Mobixie.

La corsa comincerà presto. Il segnale di start lo darà Tre con la sua tariffa flat.

Dimmi che “tweetti” e ti dirò chi sei

maggio 31, 2007

Su segnalazione di [mini]marketing usiamo TweetVolume per tracciare un profilo ipotetico dei twitterers ed apprezzare la loro anima 2.0!!

…hanno un mac??

Sto scrivendo sul mio mac nuovo…

…hanno o leggono blog??

Sto scrivendo un post sul mio blog…

…Nokia è il brand del loro smartphone?

Ho appena spedito una foto sul mio blog con il mio nuovo Nokia XXX…

…ascoltano mp3 o piuttosto podcast?

Ho appena finito di ascoltarmi l’ultimo podcast di quel matto ( 🙂 ) di Lele Dainesi

…leggono rss o newsletter?

Ho appena aggregato l’rss di [Marketing] Departure lounge nel mio Netvibes

Off-topic

…chi rompe di più in Twitter? CNN o BBC?

Il web2.0 integra le funzioni aziendali

maggio 30, 2007

Ho maturato una convinzione.

Per un’azienda, fare del buon web2.0 significa fare uno sforzo per integrare funzioni che difficilmente lo sono.

Marketing blog playoffs 2007, il vincitore

maggio 25, 2007

Vince meritatamente con risultato schiacciante Spotanatomy.

Complimenti! 🙂

Per me, la (magra) consolazione di essere uscito con il vincitore.

Non mi resta che augurare a tutti un buon Marketing BarBecueCamp! 😉

Indesit e la comunicazione interna 2.0

maggio 14, 2007

Era ora che qualche grande azienda italiana, invece di dei soliti IBM e Cisco di turno, cominciasse ad utilizzare il web2.0 ed i suoi strumenti per coinvolgere i dipendenti nella vita aziendale.

Mi riferisco ad Indesit Company, marchigianissima multinazionale dell’elettrodomestico, che con Insight ha aperto le porte ad un nuovo modo di fare comunicazione interna.

Ma che cosa è Insight? Insight altro non è che la loro nuova intranet worldwide, che ha sostituto le tre intranet già esistenti (UK, CIS e CORPORATE).

Nata nel corso del 2005 e recentemente “rivista”, Insight risponde a quelli che sono gli obiettivi aziendali della comunicazione interna e precisamente:

– favorire la diffusione delle informazioni all’interno dell’azienda

– facilitare il coinvolgimento dei dipendenti alla vita aziendale facendoli sentire parte di “one single company

– supportare lo sviluppo di un atteggiamento volto alla collaborazione attiva, alla costruzione di progetti e a risultati organizzativi comuni

La nuova intranet Indesit parla tre lingue (italiano, inglese, russo) ed ha un palinsesto settimanale che si articola su 6 macro-aree che vanno dalle news ai video, dalle comunicazioni organizzative agli annunci personali, dai documenti fino agli strumenti di lavoro.

Molto carine le rubriche settimanali: video-interviste al management, concorsi interni, campagne di comunicazione per il lancio prodotti, pillole formative e molto altro.

Le “chicche” sono le comedy realizzate dai dipendenti (in perfetto stile YouTube) per presentare innovazioni organizzative e le interviste a due (“face to face”) in cui 2 colleghi si confrontano sullo stesso argomento attraverso punti di vista diversi.

Ogni lunedì mattina poi, è diventato un appuntamento fisso per molti, seguire la rubrica degli esercizi del benessere che prevede 2 minuti quotidiani per prendersi cura del proprio benessere psico-fisico.

Insight rappresenta anche un luogo dove persone di culture differenti possono incontrarsi e conoscersi meglio; gettonatissima è infatti la rubricha “cross cultural” che ogni settimana racconta un aspetto legato alla vita quotidiana contestualizzato nelle realtà dei diversi paesi del gruppo.

Bel progetto 2.0 non c’è dubbio…condivisione, coinvolgimento, partecipazione e community ne sono i fondamenti.

L’unica pecca è quella di non averlo comunicato in maniera molto 2.0…infatti io ne sono venuto a conoscenza leggendo un articoletto su Mondo HiTech.

[Special thanks: Nadia Marcellini e Lea Ricciardi dell’ufficio stampa corporate Indesit]

Marketing blog playoffs 2007, sfumati i quarti

maggio 4, 2007

Per me sono ufficialmente finiti i playoffs dei blog di marketing.

[Marketing] Departure lounge 3
Spotanatomy 4

E dire che ce la stavo quasi per fare, peccato.

Complimenti ai vincitori. 😉