Quattro matrimoni e un funerale? Magari!!

E’ curioso leggere di come molte funeral home americane (come quella della famiglia Fisher in Six feet under) stanno cercando di riconvertirsi per mettere un freno alla diminuzione drammatica dei ricavi e dei margini.

Il motivo? La crescita esponenziale delle richieste di cremazioni ha abbassato notevolmente i ricavi visto che un funerale classico costa circa 5 volte di più e la concorrenza cinese e di CostCo sulle bare ha fatto altrettanto con i margini riducendoli all’osso.

Allora, i direttori delle funeral home, da buoni imprenditori, che cosa hanno fatto?

Hanno reso le sale e tutto il resto molto meno funereo in modo da renderlo adatto anche per occasioni diverse dai funerali persino per matrimoni.

La storia dei matrimoni è stata presa così seriamente che anche l’associazione americana delle funeral home (NFDA) ha introdotto nell’ultima riunione un topic emblematico: Che cosa i matrimoni dovrebbero insegnare ai funerali.

Un articolo su Funeral Wired (il magazine dell’industria del deceduto) parla appunto di come i famosi wedding planner americani potrebbero essere d’aiuto ai direttori delle funeral home nell’organizzazione di un matrimonio.

Oltre a questo, sono pronti per offrire un servizio di catering esterno ed alcuni non escludono di proporre molto presto ai propri clienti pacchetti viaggio per i parenti lontani attraverso la partnership con hotel e agenzie di viaggio della zona.

Come strategia non fa una piega, tutto comunque dipenderà se riusciranno a far digerire agli americani il fatto di sposarsi (o di fare qualsiasi altra cosa) in un posto dove qualche ora prima c’è stato un funerale.🙂

Dai noi non corriamo questo pericolo….le nostre care pompe funebri non se la passano poi così male, anzi!

[Via Business Week]

[Photo credit prettywar-stl]

Una Risposta to “Quattro matrimoni e un funerale? Magari!!”

  1. Dr_Who Says:

    Il business del “Caro estinto” è un business abbastanza difficile e complesso, forse più in italia che in america. Le aziende “Caro estinto oriented” necessitano di una attenzione al cliente più “peripheral”: la prestazione di base è garantita, ce la si gioca sui servizi. Il riposizionamento a cui fai cenno ritengo sia necessario e il modo in cui le aziende americane del settore lo stanno interpretando è il più ampio possibile. Dall’unione per sempre, all’aldilà.
    Dr_Who

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: