Vade retro marketing! Disse l’imprenditore calzaturiero.

Non mi sorprenderebbe vedere, all’ingresso di una delle numerosissime aziende calzaturiere delle mia zona, un’adesivo stile “si prega i testimoni di Geova di non suonare” con su scritto : Vade retro marketing!!

Forse, dico forse e lo dico piano, ne avrebbero un fortissimo bisogno.

Vi spiego perchè.

Sono ormai una decina d’anni che si parla di crisi calzaturiera, da quando i nostri bravi imprenditori non sono più riusciti a fare quello che facevano da molti anni: alzarsi la mattina, pensare ad un qualsiasi tipo di scarpa, realizzarla, uscire di casa e venderla. Questo semplice “giochetto” ha permesso loro di arricchirsi oltre ogni immaginazione e di prosperare fino a pochi anni fa. Ma ormai tutto questo è solo un bellissimo ricordo.

Come mai? Non erano i numeri uno del mondo? Sono improvvisamente impazziti? Hanno perso il loro senso di imprenditorialità? Non credo.

La motivazione è molto semplice: il mercato si è globalizzato e riempito di competitor, i clienti si sono fatti più esigenti, più sofisticati e meno disponibili all’acquisto di getto.

In poche parole competere in quel tipo di mercato è diventato terribilmente difficile senza una minima strategia aziendale ed azioni di marketing in grado di realizzarla.

Ma veramente questa sarebbe potuta essere la cura? Credo proprio di si.

Basta solamente pensare a qualcuno che non aveva NULLA a che fare con la calzatura e che ora, addirittura, ha portato la sua azienda in borsa: il Mario Moretti Polegato.

Leggete che dice:

La nascita di Geox è strettamente legata alla mia storia personale. Avrei dovuto prendere le redini delle attività imprenditoriali della mia famiglia, operante da più generazioni nel settore vitivinicolo. E, infatti, dopo aver completato gli studi in agraria, sono entrato nell’azienda di famiglia con l’obiettivo di condurla verso nuovi mercati. 

E continua a proposito del marketing:

In Italia si sta delineando quella che io definisco l’industria intelligente… dove praticamente ci concentreremo nella ricerca, ci concentreremo nella formazione dei nostri collaboratori, ci concentreremo nella parte commerciale, e nel marketing…”. Si tratta di una nuova industria nella quale “… il marketing è lo strumento insostituibile per poter dare valore aggiunto al nostro prodotto.

L’idea non basta, continua Polegato, io alla Geox sono l’inventore del progetto della scarpa che respira e di altri progetti che stiamo portando avanti. Però sono un uomo che ha saputo anche comunicare questo. Se gli anni scorsi avessi solo inventato la “suola con i buchi” e magari mi fossi limitato a vivere a Treviso, oggi non sarei qui con voi a parlarne. Perché questo? Perché avrei fatto la fine di tanti inventori che hanno idee ma poi non riescono a completarne nessuna perché il mercato non se ne accorge. Bisogna invece saper comunicare.

L’Italia è il paese più ricco al mondo per la creatività; ciò non basta più, forse c’è bisogno di integrare l’idea in processi strutturati di marketing e di management per trasformare l’idea in prodotti e servizi in grado di competere in un ambiente competitivo che premia il prezzo o l’innovazione di qualità.

Spesso il concetto di marketing è un concetto limitato, spesso gli imprenditori pensano che sia solo pubblicità.

Lo bacerei!!!! E’ proprio questo l’errore.

Niente male per uno che ha studiato agraria……..

Continua:

Mi sono sentito chiedere in un recente convegno a Brescia quanto investo in marketing, cioè in pubblicità … il marketing ha dimensioni più ampie, è far credere e capire alle persone con cui lavoriamo la missione dell’azienda. Spesso diamo invece poco peso a questo, perché pensiamo che tutto sia facile, che tutto sia scontato e invece non è vero … soprattutto in un mondo globalizzato dove il confronto con americani e cinesi è sempre più diretto. Sono però fiducioso che le imprese italiane sapranno rapidamente assimilare ed avvantaggiarsi della cultura di marketing.

Beh, lo vada a dire ai nostri imprenditori calzaturieri…….

Qualcosa si sta muovendo (molto lentamente) e credo che presto qualcuno comincerà, SERIAMENTE, a pensare al marketing, quello vero.

Che sia l’occasione di lasciare il mio  ……..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: